MASSIMO TRENTO

Rinascimento politico

Home  Chi sono  Cosa ho fatto  Contatti  Scritti  Costituzione Italiana



Di un popolo che solo decide del suo presente e futuro. Di una nazione libera e sovrana. Di un paese slegato dai vincoli imposti da questa Europa decadente. Di una cittadinanza che si stampa la sua moneta, stabilisce le sue leggi e determina a fronte alta la propria posizione nel mondo. Di uomini e donne fieri che non permettono ad agenzie, commissioni, tribunali e patti internazionali di modificare a piacimento la loro vita. Di figli d’una Italia che tende la mano sempre sulla base di regole assieme stabilite ma giammai imposte. Della nostra repubblica che al centro dell’occidente    in autonomia decide che andare un’altra via è ora indispensabile per rompere con una storia esaurita e farne rifiorire un’altra, in nome di valori ed eredità fondanti non più contrattabili.



Unicef: l’indecente richiesta dell’eredità altrui


Non demordono, soprattutto sotto Natale quando si pretende la bontà dalle genti con la stessa premura calcolata del commercio. Quest’ultimo, se non altro, non rivendica una filantropia stereotipata per cogliere ogni pretesto buono per fatturare. Ma alla congregazione senza pudore dell’Unicef non concedo attenuanti. Piu’ ancora e peggio della miriade di associazioni e fondazioni che inondano l’etere con struggenti messaggi a favore di qualunque cosa stia male a questo mondo tranne te, perorando un versamento di un paio di euro per mezzo di questo o quest’altro numero telefonico, l’United Nations Children’s Fund ha superato ogni limite di decenza col suo spot televisivo.

Una indegna sceneggiatura abilmente costruita con immagini sfumate di bimbi bisognosi del Bangladesh e di altre zone del terracqueo, sempre pronti a sorridere all’obbiettivo dell’uomo bianco, accompagnate da due tocchi in bemolle di un piano a coda e commentate da una voce femminile suadente, che pare presa a prestito dal doppiaggio di film porno. Come un becchino premuroso nel farti notare che il tuo trapasso sara’ inevitabile, la speaker ti ammansisce l’animo in una degustazione preventiva di quell’attimo straordinario che sarà il tuo decesso: fai in modo di lasciare un segno a questo mondo per quando non ci sarai più; un segno di cui questi cari pargoli sparsi per ogni dove sul globo possano esser testimoni rimembrando così il tuo nome. Lascia un segno, intestaci la tua eredità.

Ecco, è questo uno dei momenti topici nei quali solo la bestemmia pare rendere al meglio l’ira che mi pervade incontrollata di fronte allo scempio del dolore, alla mattanza della dignità, alla ferocia speculativa di questa immanemente infima pubblicità.

 


Clicca per vedere tutti gli articoli su wordpress.com



Home  Chi sono  Cosa ho fatto  Contatti  Costituzione Italiana


I documenti e i filmati sono da considerarsi proprietà dei rispettivi autori

Copyright Massimo Trento 2003-2015 – Thanks to www.nvda.it

Hosting Aruba – Italy

Ottimizzato 1024x768